Il “Decreto Ristori Bis” è in vigore dal 10/11/2020, approvato a pochi giorni di distanza dal “Decreto Ristori” introduce ulteriori disposizioni a sostegno dei settori più direttamente interessati dalle misure restrittive adottate con i DPCM del 24/10/2020 (lockdown notturno) e del 03/11/2020 (istituzione delle zone gialle, arancioni e rosse) relativi all’emergenza sanitaria da Covid-19.

 

Rideterminazione dell’elenco dei codici Ateco

I nuovi Nuovi Allegati 1 e 2 del “Decreto Ristori Bis” consistono nella modifica dell’Allegato 1 del “Decreto Ristori” ed in una integrazione di settori di attività economiche.

Riguardano le attività ammesse a beneficiare del nuovo contributo a fondo perduto del “Decreto Ristori”, del credito d’imposta sui canoni di locazione e dell’eliminazione della seconda rata dell’IMU di dicembre 2020.

 

Proroga versamenti

La proroga al 30/04/2021, del termine per il versamento della seconda o unica rata dell’acconto delle imposte sui redditi e dell’IRAP, prevista per il 30/11/2020, si applica indipendentemente dalla diminuzione del fatturato o dei corrispettivi del primo semestre 2020 per:

  • i soggetti che esercitano attività economiche per le quali sono stati approvati gli ISA, operanti nei settori economici individuati negli Nuovi Allegati 1 e 2 del “Decreto Ristori Bis” aventi sede legale o sede operativa nelle zone rosse
  • per i soggetti esercenti l’attività di gestione di ristoranti, che operano nelle zone arancioni

 

Sospensione dei versamenti per il mese di novembre 2020

E’ prevista la sospensione dei termini che scadono nel mese di novembre 2020 relativi a:

  1. i versamenti relativi alle ritenute alla fonte e alle trattenute relative all’addizionale regionale e comunale, operate come sostituti d’imposta
  2. i versamenti relativi all’IVA

per:

  • i soggetti che esercitano le attività economiche sospese dal DPCM del 03/11/2020 aventi sede legale o sede operativa in qualsiasi area del territorio nazionale
  • i soggetti che esercitano le attività dei servizi di ristorazione che sede legale o sede operativa nelle zone arancioni e rosse
  • i soggetti che operano nei settori economici individuati nell’Allegato 2 dei Nuovi Allegati 1 e 2 del “Decreto Ristori Bis” ovvero esercitano l’attività alberghiera, l’attività di agenzia di viaggio o quella di tour operator, e che hanno sede legale o sede operativa nelle zone rosse

I versamenti sospesi dovranno essere effettuati, senza applicazione di sanzioni e interessi, in un’unica soluzione entro il 16/03/2021 o mediante rateizzazione fino a un massimo di 4 rate mensili di pari importo, con il versamento della prima rata entro il 16/03/2021.

 

Sospensione dei versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali

A favore dei datori di lavoro privati appartenenti ai settori individuati nell’Allegato 1 dei Nuovi Allegati 1 e 2 del “Decreto Ristori Bis” dispone la sospensione dei versamenti contributivi dovuti nel mese di novembre 2020.

La predetta sospensione non opera relativamente ai premi per l’assicurazione obbligatoria INAIL.

È altresì sospeso il versamento dei contributi previdenziali e assistenziali dovuti nel mese di novembre 2020, in favore dei datori di lavoro privati che abbiano unità produttive od operative nelle zone rosse, appartenenti ai settori individuati nell’Allegato 2 dei Nuovi Allegati 1 e 2 del “Decreto Ristori Bis”

I pagamenti dei contributi previdenziali e assistenziali sospesi dovranno essere effettuati, senza applicazione di sanzioni e interessi, in un’unica soluzione entro il 16/03/2021 o mediante rateizzazione fino a un massimo di 4 rate mensili di pari importo, con il versamento della prima rata entro il 16/03/2021.

Il mancato pagamento di 2 rate, anche non consecutive, determina la decadenza dal beneficio della rateazione.